BIOGRAFIA CAN YAMAN

SERIE TV CAN YAMAN

PREMI CAN YAMAN

La Leggenda del Coniglio Lunare: Ferit e Nazlı in Dolunay. Bitter Sweet Ingredienti d’Amore

La Leggenda del Coniglio Lunare: Ferit e Nazlı in Dolunay. Bitter Sweet Ingredienti d’Amore

Come mai abbiamo deciso di raccontarvi la Leggenda del Coniglio Lunare e quale connessione ha con Can Yaman?

Se come noi avete seguito la Serie TV Dolunay (Bitter Sweet: Ingredienti d’Amore), vi ricorderete lo splendido finale della quarta puntata.

Nazlı va a casa di Ferit perché ha dimenticato lì il suo cellulare.

E’ intenta ad andare subito via, lo saluta in maniera sbrigativa ma lui la invita a rimanere per bere un caffè insieme e lei sorpresa, accetta.

Escono in giardino e dopo che Ferit con il suo sguardo profondo ha ascoltato e apprezzato ogni singola parola dei discorsi di Nazlı sulla sua passione per la cultura giapponese, entrambi ammirano il cielo.

Ferit: C’è la luna piena.

Nazlı: E’ bellissima. Illumina come una lanterna.

Ferit: Una lanterna? Io vedo solo conigli che giocano a calcio.

Si fissano dritti negli occhi, lei è imbarazzata e chiede quale sia la sua tazza di caffè, visto che pochi minuti prima l’aveva appoggiata sul tavolo perché troppo bollente.

Ferit risponde che è quella a destra, lei sorride ed è stupita perché anche lui conosce quella storia.

Dopo che le passa la tazza di caffè, Ferit conferma di ricordarsi la leggenda del coniglio lunare.

Bitter Sweet Ingredienti d’Amore: Ferit e Nazlı in Dolunay

La Leggenda del Coniglio Lunare

Il coniglio lunare è una creatura immaginaria presente nella mitologia di molti paesi dell’Estremo Oriente.

Narra di un coniglio, appunto, che vivrebbe sulla luna e che è possibile individuare negli avvallamenti del satellite terrestre durante il plenilunio accanto ad un pestello da cucina.

La più antica testimonianza del mito del coniglio lunare risale al Periodo dei regni combattenti, (dal 453 a.C. al 221 a.C.).

Infatti in una raccolta di Poesie si menzionano un rospo ed un coniglio sulla Luna, quest’ultimo impegnato a pestare nel suo mortaio le erbe dell’immortalità.

La ragione per cui un coniglio dovrebbe trovarsi sulla Luna è descritta nel Śaśajâtaka, un’antica storia buddista (in realtà una vera e propria favola per gli standard occidentali), con intenti moralistici.

In essa, si narra di quattro amici animali una scimmia, una lontra, uno sciacallo ed un coniglio che, nel giorno sacro buddista di Uposatha (dedicato alla carità e alla meditazione) decisero di cimentarsi in opere di bene.

La Leggenda del Coniglio Lunare: Ferit e Nazlı in Dolunay. Bitter Sweet Ingredienti d’Amore

https://www.eticamente.net/46224/la-storia-del-coniglio-sulla-luna.html

Avendo incontrato un anziano viandante, sfinito dalla fame, i quattro si diedero da fare per procurargli del cibo, mettendo in campo ognuno le proprie abilità; la scimmia colse la frutta sugli alberi, la lontra pescò del pesce e lo sciacallo rubò cibo da una casa incustodita.

Il coniglio invece, privo di particolari abilità, riuscì a procurare soltanto erba. Triste ma determinato ad offrire comunque qualcosa al vecchio, il piccolo animale si gettò allora nel fuoco, donando le sue stesse carni al povero mendicante che in realtà era una divinità induista.

Questi, commosso dall’eroica virtù del coniglio, disegnò la sua immagine sulla superficie della Luna, perché fosse ricordata da tutti per la grande generosità.

La leggenda ha l’intento di celebrare le qualità buddiste del sacrificio e della carità portata avanti ad ogni costo.

Il coniglio sulla Luna viene festeggiato durante la Festa della Luna o Festa di Metà Autunno che ricorre il quindicesimo giorno dell’ottavo mese lunare del calendario cinese; quando le famiglie si riuniscono ad osservare il cielo mangiando frutta e dolci.

FONTI:

La Storia del Coniglio sulla Luna

Il coniglio nella mitologia giapponese

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuti Protetti