BIOGRAFIA CAN YAMAN

SERIE TV CAN YAMAN

PREMI CAN YAMAN

“Come un Respiro” di Ferzan Özpetek: il Pera Palace, dall’Orient Express a Can Yaman

“Come un Respiro” di Ferzan Özpetek: il Pera Palace, dall’Orient Express a Can Yaman

Il famoso regista e scrittore turco Ferzan Özpetek, nel suo ultimo libro “Come un Respiro” cita il Pera Palace, la nota struttura di Istanbul, quale meta di sfarzose feste di fine anno, mentre lì, Can Yaman ha partecipato al matrimonio della sua socia alla fine di febbraio 2020.

Per scoprire la trama di “Come un Respiro” vi invitiamo a leggere un nostro precedente articolo Can Yaman l’attore turco con l’Italia nel cuore e Ferzan Özpetek il famoso regista turco, italiano d’adozione.

Nelle vicinanze di questa dimora storica vi è il Grand Pera, una delle tante Location della serie TV Turca Erkenci Kuş con Can Yaman e Demet Özdemir.

In particolare è stato il luogo del primo bacio dei due protagonisti, in occasione del 40esimo Anniversario dell’agenzia pubblicitaria Fikri Harika, e del secondo bacio quando l’Albatros rivela la propria identità.

“Come un Respiro” di Ferzan Özpetek: il Pera Palace, dall’Orient Express a Can Yaman

L’hotel Pera Palace è uno storico hotel, visitabile anche come museo, situato nel distretto di Beyoğlu di Istanbul.

Costruito nel 1892 per ospitare i passeggeri dell’Orient Express, è considerato “il più vecchio hotel europeo della Turchia”.

Il Pera Palace affaccia le proprie camere sul Corno d’Oro sulla penisola di Istanbul.

Nel 2006 è stato chiuso e ha subito un restauro completo dal 2008 al 2010, senza stravolgere la struttura originale. Oggi l’hotel è una vera e propria attrazione turistica per la città e, oltre a essere abitato dalla clientela, è visitabile liberamente.

Il Pera Palace è stato edificato a fine ‘800 a soddisfazione dell’esigenza dei passeggeri dell’Orient Express di ritrovare, presso l’ultima tappa del viaggio, un alloggio paragonabile in eleganza e confort a quanto erano abituati in Europa.

I lavori iniziarono nel 1892 e si conclusero nel 1895. L’architetto responsabile è il franco-turco Alexander Vallaury, già autore di altre costruzioni in città, che diede all’edificio un taglio ibrido tra il neoclassico, l’art nouveau e lo stile orientale, tipico dell’architettura istanbuliota del XIX secolo.

Il Pera Palace appariva come una meraviglia tecnologica, in quanto era il primo edificio con alimentazione elettrica. Era dotato di acqua calda e del primo ascensore di Istanbul, al cui interno attendeva un gentile inserviente addetto alla movimentazione.

“Come un Respiro” di Ferzan Özpetek: il Pera Palace, dall’Orient Express a Can Yaman

L’ospite poteva comodamente accomodarsi sul divanetto posto sulla parete opposta rispetto alle porte dell’ascensore. Le pareti erano a vista e circondate da bellissime decorazioni in ferro battuto.

L’edificio a struttura rettangolare, presenta uno spazio aperto al centro. Il tetto che copre la parte centrale è stato convertito in vetro con l’ultimo restauro e consente l’ingresso della luce solare. Sono presenti sei cupole di metallo e vetro che separano lo spazio aperto centrale dei piani dal pianterreno.

Al primo piano sono presenti il bar Orient, la pasticceria francese, la pasticceria Pera e la sala da tè Kubbeli.

Vi hanno soggiornato molteplici personalità tra cui Mustafa Kemal Atatürk, nella camera 101 ora adibita a museo, Ernest Hemingway, Edoardo VIII, Jacqueline Kennedy Onassis, Alfred Hitchcock e Agatha Christie presso la camera 411 dove scrisse buona parte del libro “Assassinio sull’Orient Express”.

Le camere sono illuminate da lampadari di vetro di Murano ed i bagni sono rivestiti di marmo di Carrara.

Nel tempo, la struttura ha visto diversi proprietari: dalla Compagnie Internationale des Wagons-Lits, poi nel 1918 all’imprenditore greco Bodossakis Athanassiades, nel 1963 alla Istanbul Hotel Management, Tourism and Trading Company e infine nel 2006 alla compagnia di Beşiktaş.

“Come un Respiro” di Ferzan Özpetek: il Pera Palace, dall’Orient Express a Can Yaman

Non solo il Pera Palace e l’Orient Express nel romanzo “Come un Respiro” di Ferzan Özpetek, ma anche piatti tradizionali e storia turca.

A pagina 35, infatti, si parla di una ricetta della cucina ottomana: Hünkar Beğendi.

Hünkar Beğendi conosciuto anche come La Delizia del Sultano è uno stufato d’agnello servito su una besciamella con le melanzane.

Per scoprire gli ingredienti e la preparazione visitate il blog “La Cascata dei Sapori”: Hünkar Beğendi La Delizia del Sultano. Stufato d’Agnello su Crema di Melanzane – Come un Respiro di Ferzan Özpetek

One Comment

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuti Protetti