BIOGRAFIA CAN YAMAN

SERIE TV CAN YAMAN

PREMI CAN YAMAN

Capodanno a Istanbul di Ahmet Ümit. Uno degli scrittori più amati da Can Yaman

Capodanno a Istanbul di Ahmet Ümit. Uno degli scrittori più amati da Can Yaman

TUTTE LE COSE BELLE ACCADONO IMPROVVISAMENTE cit. Ferit Aslan (Dolunay 2017)

Tu, Can Yaman sei la cosa più bella che ci potesse accadere.

Perché diciamo questo? Semplice, perché lui ha dimostrato e dimostra sempre affetto e riconoscimento nei confronti delle persone che gli stanno accanto, non solo i suoi fan, ci riferiamo proprio a coloro che gli vogliono davvero bene.

E’ facile supportare un attore, un personaggio famoso, nel periodo del suo successo, ma quando si attraversa un momento buio e difficile, perché scappano via tutti? Solo gli amici e i fan veri restano!

Can Yaman è entrato a far parte delle nostre vite e a riempire la nostra quotidianità nel giugno del 2019 e da allora rimane al sicuro nei nostri cuori.

Durante il lockdown causato dal Covid-19, è sempre stato vicino, seppur lontano, ai suoi fan, dedicando loro messaggi di supporto e affetto.

“Ti saremo sempre grate per quello che hai fatto, perché non ci hai abbandonato in un momento così tragico e difficile. Sei stato la nostra forza!”

In uno dei tanti Tweet di risposta ad una fan, Can Yaman ci ha svelato il nome di uno degli scrittori che più ama, Ahmet Ümit.

Per sentirci ancora più vicine a lui, abbiamo acquistato Capodanno a Istanbul e letto i capitoli tutti d’un fiato. Di seguito trovate le informazioni sull’autore, la trama del libro e le nostre riflessioni.

Capodanno a Istanbul di Ahmet Ümit. Uno degli scrittori più amati da Can Yaman

Capodanno a Istanbul (Beyoğlu’nun En Guzel Abisi) di Ahmet Ümit

TRAMA

Istanbul, 2013.

Un gruppo di giovani, che come polline nell’aria si moltiplica fino a diventare migliaia, protesta contro l’abbattimento di 600 alberi a Gezi Park, dove l’amministrazione ha deciso di costruire un centro commerciale al posto di un bellissimo giardino. La mobilitazione civile dilaga in tutto il paese. La posta in gioco non è solo la cementificazione di un parco, ma quella dell’anima del popolo turco.

La notte di Capodanno i fatti di Gezi Park sono ancora nell’aria. Fiocchi di neve al posto del polline. Il commissario Nevzat riceve una chiamata: un uomo è stato assassinato a Beyoğlu, dove la Torre di Galata guarda il Bosforo dall’alto.

Il mistero che avvolge quel cadavere è lo stesso che ha trasformato il luogo più affascinante del mondo in un quartiere preda della speculazione edilizia, dove il passato e il presente di una città e di una nazione si danno la mano.

AHMET ÜMIT

View this post on Instagram

Bir zamanlar Beyoğlu’nda. #beyoglununenguzelabisi

A post shared by Ahmet Ümit (@baskomsernevzat) on

Ahmet Ümit autore di più di 20 best-seller, tradotti in 60 lingue con 4 milioni di copie vendute, insignito di vari premi letterari, è il più importante scrittore di gialli della letteratura turca contemporanea.

Alcuni dei suoi romanzi sono stati adattati per il grande schermo e la televisione.

Nato a Gaziantep nel 1960, ha studiato al’Università Marmara di Istanbul dove si è laureato nel 1983, anno in cui ha iniziato la carriera di scrittore.

Attivista del Partito Comunista Turco dal 1974 al 1589 Ahmet Ümit ha preso parte al movimento clandestino per la democrazia negli anni della dittatura militare tra 1980-1990.

Attualmente vive a Istanbul con la moglie Vildan, conosciuta ai tempi dell’università.

Beyoğlu’nun En Guzel Abisi di Ahmet Ümit. Uno degli scrittori più amati da Can Yaman

E’ un giallo scritto e tradotto in modo scorrevole che ti prende soprattutto nella descrizione del luoghi e del personaggi.

Anzitutto l’autore turco è un giallista molto apprezzato sia nella sua terra che all’estero.

Il protagonista è il commissario Nevzat che si trova ad indagare nella notte di Capodanno su un omicidio commesso nel quartiere di Beyoğlu.

Questo quartiere, un tempo molto bello e abitato dagli immigrati quali greci e bulgari, “era invecchiato senza che nessuno se ne prendesse cura” divenendo dimora e rifugio degli esclusi, di coloro che vivono ai margini della società per scelta o per obbligo.

Nella narrazione troviamo diversi personaggi costretti a vendersi pur di sopravvivere, senza tetto, senza speranza e senza futuro.

Si tratta di un libro molto attuale che induce a riflettere sulla situazione dei migranti e di coloro che sono costretti ad abbandonare le proprie case, i propri cari, la propria terra, la propria storia.

Il commissario già conosce questi luoghi perché vi ha lavorato all’inizio della carriera ed è molto apprezzato in questo quartiere. Ma, ora, il suo cuore è ferito dalla vita e dall’esperienza perciò si guarda attorno con occhi nuovi.

Capodanno a Istanbul di Ahmet Ümit. Uno degli scrittori più amati da Can Yaman

Questo suo aspetto ci fa pensare all’attore Mario Giallini nell’interpretazione del commissario Rocco Schiavone ispirato alle opere letterarie di Antonio Manzini.

La vicenda ruota attorno al circolo, alcuni copertura di bische e gioco d’azzardo, altri invece rifugio per gli emarginati, situati in vie degradate e fatiscenti, da cui si odono in lontananza i rumori festosi della famosa piazza Taskim, meta turistica imperdibile.

L’autore si sofferma sulla descrizione di una Istanbul vestita a festa, gioiosa e divertita grazie anche alla neve che “illumina” questa meravigliosa metropoli.

Tanti sono i personaggi, alcuni semplici comparse, con i nomi dalla difficile pronuncia, tutti pennellati con maestria e dovizia di particolari. Alcuni sono descritti ampliandone i difetti sino al grottesco facendoci pensare ai personaggi di Pirandello o più recentemente alle comparse che affiancano il Commissario Montalbano ispirato al grandissimo autore Andrea Camilleri.

Bella la trama, avvincente si dai primi capitoli con un finale per nulla scontato.

Asma Yaprağında Sardalye: Sardine in Foglie di Vite

A pagina 117 il commissario Nevzat sta gustando, insieme alla criminologa Zeynep e all’aiutante Ali, un piatto di deliziose Sarde arrotolate nelle foglie di vite.

Camilla de “La Cascata dei Sapori” ha preparato per voi questa particolare ricetta!

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuti Protetti